top of page
Funkstelle Sperberberg (21).jpg

Caserma della polizia antisommossa della RDT

Nascosto nel profondo di una foresta nel Brandeburgo, dal 1974 in poi il ministero dell'Interno della RDT ha stanziato unità di polizia antisommossa. Furono costruite diverse baracche di alloggio, una sala da pranzo con cantina protetta, un corpo di guardia, un acquedotto, un locale caldaie, sale per i veicoli, una stazione di trasformazione e un impianto di depurazione. Le unità di polizia antisommossa di stanza intorno a Berlino usano l'area per esercitazioni in casa e combattimenti di strada. Ancora oggi persiste la voce che sul luogo sarebbero stati internati oppositori del regime e manifestanti durante la fase finale della RDT. È documentato che nel 1989 sono stati costruiti nuovi alloggi e gettate le fondamenta per le tendopoli. Vi avrebbero potuto essere ospitate ben 1.500 persone. La scena della rissa di strada con un tram che era stato introdotto ha anche alimentato il sospetto che lo scioglimento violento delle manifestazioni fosse stato deliberatamente addestrato. La Potsdamer Platz der Nations è stata ricreata. Si dice che tale esercizio abbia avuto luogo per l'ultima volta nell'autunno 1989. Ma non ci sono prove concrete del piano per internare gli oppositori del regime. Ciò che si sa, tuttavia, è che qui era di stanza anche l'unità di servizio top secret IX, il comando antiterrorismo della RDT. L'unità è stata fondata dopo l'attacco alle Olimpiadi di Monaco nel 1972 come controparte del GSG 9. Il primo utilizzo è avvenuto al festival mondiale dei ragazzi nel 1973 a Berlino. Altrimenti, in pratica, veniva utilizzato principalmente per catturare soldati sovietici disertati. Il suo fondatore e direttore Fabian Ernst ha riferito nel quotidiano PNN nel 2004: “Un campo di addestramento è stato allestito vicino al piccolo villaggio brandeburghese di V., con aule per lezioni di tattica e rovine per esercitazioni di combattimento casa per casa. Avrebbero sforzato i loro corpi lì fino al limite delle prestazioni, "ogni giorno di nuovo". Il tiro è stato praticato, "con il vento e il tempo ci siamo buttati nella terra" fino a quando ogni scatto è stato perfetto.

Oggi c'è un parco commerciale su una parte del sito, l'altra parte, di cui potete vedere le foto, sta cadendo sempre più in rovina. Interessante era un edificio ai margini della proprietà, anch'esso protetto da un triplo recinto elettrico. I due cancelli d'ingresso formavano una chiusa ei pali della luce sistemati ovunque illuminavano la piccola area. L'edificio non era accessibile. Cosa c'era lì dentro?

bottom of page