top of page

Wasag Reinsdorf

Fondata nel 1891, Westfälisch-Anhaltische Sprengstoff-Actien-Gesellschaft (WASAG) era un'importante azienda tedesca produttrice di esplosivi, esplosivi e munizioni. Il più grande impianto di WASAG entrò in funzione nel 1894 a Reinsdorf vicino a Wittenberg. Il numero dei dipendenti è passato rapidamente da 246 all'inizio a diverse migliaia e al tempo della prima guerra mondiale a 10.000. Nel 1916 iniziò la costruzione del primo insediamento aziendale per circa 5.000 abitanti e fu costituita una fondazione a scopo sociale. Lo stabilimento disponeva anche di una tenuta per l'autosufficienza. Secondo le disposizioni del Trattato di Versailles, era l'unico in Germania a poter ancora fabbricare esplosivi dopo la prima guerra mondiale. Le capacità produttive furono costantemente ampliate, soprattutto dopo il 1933. Lo stabilimento disponeva di un moderno centro scientifico e tecnico che, tra le altre cose, sviluppava esplosivi da montagna ignifughi, sviluppava materiale per pellicole di celluloide e ricercava motori a razzo. Nel 1935 lo stabilimento contava quasi 8.000 dipendenti, saliti a 14.000 durante la guerra. Nell'ottobre del 1935 un operaio disattento fece cadere un guanto acido nella lavaresidui di un impianto di metilbenzene, che provocò prima un incendio e poi un'esplosione di 27 tonnellate di esplosivo. Morirono oltre 100 dipendentie oltre 300 sono rimasti feriti. Hitler e Goering hanno partecipato di persona ai funerali di stato. 1945 -1947 lo stabilimento di Reinsdorf fu completamente smantellato e demolito dai russi. Solo l'ex casinò e l'edificio principale sono stati utilizzati come sanatorio polmonare dal 1956 fino agli anni '70. A causa della diminuzione del numero di casi di tubercolosi, la clinica è stata ampliata in un ospedale specializzato fino alla sua completa chiusura nel 2005.

Oggi la storia dell'impianto è conservata e ricercata dal centro di informazione e documentazione WASAG eV. Il centro di documentazione è ancora in costruzione. Ma puoi farloInformazioni turisticheWittenberg prenota interessanti tour nell'area altrimenti chiusa. È così che ho scoperto la storia interessante. Il signor Zander sa dove si trovano gli impianti di produzione fatti saltare in aria, le rampe di carico, le strutture di collegamento e i tunnel ancora conservati nell'enorme sito di 4,6 km², ora boscoso. Riferisce in dettaglio della grave esplosione del 1935 e del fatto che sul sito c'erano 38 km di binari normali e 155 km di ferrovie a scartamento ridotto alimentate a batteria. Successivamente puoi aspettarti una conferenza sulla storia di WASAG con molte immagini contemporanee.

bottom of page