top of page

Fabbrica di munizioni Selterhof - Stabilimento S a Treuenbrietzen

Contenuti:

1. La fabbrica di articoli in metallo dal 1933 al 1945

2° smantellamento dal 1945 al 1947

3, campo di transito per espulsi e rimpatriati dal 1946 al 1949

4. Polizia popolare in caserma dal 1949 al 1954

5. Caserma dei servizi segreti dell'esercito sovietico dal 1954 al 1993

6. Lo sviluppo del parco solare dopo il 1994

1. La fabbrica di articoli in metallo dal 1933 al 1945

Nel 1933, Kopp & Co GmbH costruì la seconda fabbrica di munizioni a Treuenbrietzen, la fabbrica S-Selterhof. Operava sotto il nome di Metallwarenfabrik Treuenbrietzen GmbH, stabilimento di Selterhof. Il vecchio lavoro suSebaldushofdivenne Plant A. La moderna fabbrica fu costruita a nord-ovest della strada che porta a Lüdendorf. Le lunghe officine a un piano sono state costruite in una foresta diradata per motivi di protezione antiaerea. Erano costruiti con elementi strutturali prefabbricati, avevano finestre con intelaiatura metallica e tetti piani rivestiti con scorie leggere. Le macchine utensili poggiavano su solide fondamenta in cemento. Sono state prodotte cartucce di fanteria da 7,9 mm e munizioni antiaeree da 3,7 cm. Nel corso della guerra si aggiunsero cartucce per munizioni di artiglieria, trasformate in granate nel Muna Altes Lager, a pochi chilometri di distanza. I lavoratori arrivavano in autobus da Potsdam, Luckenwald e Brandeburgo. Nel 1934 si verificò un grave incidente quando un rimorchio di un autobus proveniente da Potsdam fu investito da un treno al passaggio a livello di Selterhof. Numerosi furono i morti e molti i feriti. Nel 1936, la Kurmärkische Kleinsiedlungs GmbH Berlin costruì un insediamento con 125 case unifamiliari per i lavoratori della fabbrica di Frohnsdorf, di cui 106 erano case bifamiliari e 19 case unifamiliari. Dall'inizio della guerra nel 1939, i coscritti tedeschi come casalinghe e venditrici furono assunti come lavoratori, ma quando ciò non fu più sufficiente, furono reclutati lavoratori dalla Renania, dai Sudeti e dall'Austria. Seguirono i prigionieri di guerra, in particolare dalla Francia e dall'Unione Sovietica, portati dallo STALAG Luckenwalde. Durante la guerra giunsero numerosi volontari stranieri e coscritti dalla Croazia, dalla Francia e dall'Olanda. Inizialmente, i lavoratori stranieri e forzati, molti dei quali erano donne, erano alloggiati in alloggi privati e potevano muoversi liberamente a Treuenbrietzen.

Nel 1941 fu costruito un alloggio per il campo di fronte alla fabbrica, cioè a sud-est della strada per Lüdendorf. Qui venivano ospitati soprattutto lavoratori dell'Est provenienti dall'Unione Sovietica, dalla Polonia e dalla Repubblica Ceca, ma sempre più anche lavoratori provenienti dal Belgio, dalla Francia e dall'Olanda. Nel giugno 1943 c'erano oltre 594 lavoratori stranieri maschi (di cui 109 dall'Unione Sovietica e 863 donne (di cui 507 dall'Unione Sovietica) nello stabilimento. Il campo di lavoro comprendeva tre aree di alloggio. Vicino alla linea ferroviaria c'era un piccolo insediamento per il personale tecnico e amministrativo superiore. A questo era attigua ad ovest la caserma per i lavori forzati. Il centro della terza area ad ovest dell'area era un edificio a tre ali di 2 piani. Esso e i suoi annessi erano probabilmente utilizzati dall'amministrazione del campo e dalle guardie Sfortunatamente, non ci sono vecchie foto degli edifici.

I lavoratori tedeschi costituivano la sicurezza operativa e custodivano i prigionieri di guerra durante il lavoro e nelle baracche di alloggio. Furono impiegate fino a 2.000 persone senza lavori forzati o prigionieri di guerra, 200 delle quali nella sola costruzione di utensili. I lavoratori forzati erano supportati dai loro colleghi tedeschi con il cibo il più possibile, sebbene fosse proibito. Ma ci sono state anche segnalazioni di capisquadra che hanno aggredito ragazze polacche.  Nel 1944 arrivò un gruppo di donne del reparto esterno del campo di concentramento di Ravensbrück a Belzig. Erano sorvegliati da membri delle SS. Nel settembre 1944, si dice che i lavoratori forzati russi abbiano tentato di creare un'organizzazione politica, furono scoperti e fucilati dalle SS. Durante l'evacuazione del campo si è verificato un tragico incidente. Il 20 aprile, un treno che trasportava lavoratori evacuati alla stazione di Treuenbrietzen è stato colpito da un attentato dinamitardo americano. Quando un treno parcheggiato lì è esploso con granate a propulsione a razzo, quasi tutti gli occupanti sono stati uccisi.

1. Die Metallwarenfabrik 1933 bis 1945

2° smantellamento dal 1945 al 1947

Lo smantellamento della fabbrica Kopp a Treuenbrietzen durò fino all'autunno 1946. Alcuni inventari e componenti di cui la potenza occupante non aveva bisogno potevano ancora essere recuperati dalla popolazione locale. Il 13 settembre 1946, il comandante del distretto sovietico ordinò all'ufficio di collocamento di Belzig di rilasciare 300 lavoratori nelle due settimane successive per smantellare le costruzioni metalliche presso Kopp & Co. a Treuenbrietzen. Il Selterhof, come gli stabilimenti Kopp Sebaldushof e Roederhof a Belzig, fu fatto saltare in aria nell'estate del 1947. Questi sono i resti nella foresta:

2. Demontage 1945 bis 1947
3. Durchgangslager 1946 bis 1949

3. Campo di transito per espulsi e rimpatriati dal 1946 al 1949

Mentre il campo di lavoro forzato di Sebaldushof è stato demolito, è stato conservato a Selterhof. Con i suoi pochi edifici permanenti, fu utilizzato nel dopoguerra come campo di transito o campo di quarantena per gli espulsi dai Sudeti e dai Carpazi. Il 16 febbraio 1946 arriva il primo treno con 1.122 profughi, di cui 613 bambini sotto i 14 anni. Il 29 giugno 1946 arrivò dal campo di Poprad (Deutschendorf) in Slovacchia un trasporto con 1.110 tedeschi sfollati dei Carpazi, la maggior parte provenienti da Oberzipsen. Molti di loro si insediarono poi a Brück e dintorni e la spoliazione avvenne nel vicino istituto statale. Il campo era recintato e sorvegliato. La gente poteva uscirne solo con un lasciapassare.  Le baracche avevano letti a due piani per 60 persone, non erano letti, ma strutture di legno ricoperte di paglia. La gente aveva sempre fame e andava a mendicare nella zona. Il campo è stato progettato per un massimo di 2000 persone.

Nell'agosto 1948, il Selterhof divenne una stazione di quarantena per i rimpatriati di quarantena di 14 giorni dalla Gran Bretagna, Francia e Jugoslavia che erano stati prigionieri di guerra. Ho trovato la seguente corrispondenza sulle condizioni del campo nell'archivio distrettuale di Belzig:

4. Kasernierte Volkspolizei 1949 bis 1954

​4. Utilizzato dalla Polizia del popolo in caserma dal 1949 al 1954

Dal 1949 la Polizia del Popolo Barracked (KVP) rilevò la proprietà. L'8a polizia popolare in attesa di Berlino/Brandeburgo era di stanza qui con 600 agenti di polizia. Nel Selterhof si svolgeva l'addestramento dell'artiglieria con armi della Wehrmacht. Alla fine del 1950 l'unità fu trasferita a Premnitz. Dopo di che c'era una scuola politica del KVP. Il testimone contemporaneo Rüdiger Lehmann mi raccontò come nell'estate del 1953, appena diplomato, insegnò alle giovani reclute a nuotare nella vasca profonda 2 metri della piscina del Selterhof. I russi continuano a usare il bagno. Dopo una lunga ricerca l'ho trovato, nascosto dietro fitti cespugli:

Dietro la piscina si trovava il campo sportivo dell'edificio, successivamente utilizzato per confronti calcistici tra soldati sovietici e calciatori della compagnia di Treuenbrietzen. Alla fine del 1953, l'esercito sovietico rivendicò il sito per sé e la scuola politica fu trasferita a Potsdam. Puoi leggere un rapporto della CIA del 1950 sul KVP nel Selterhofleggi qui.

5. Caserma dei servizi segreti dell'esercito sovietico dal 1954 al 1994

Da quel momento in poi, l'esercito sovietico utilizzò l'area come deposito e snodo delle comunicazioni. Il GSSD ha rilevato la maggior parte degli alloggi esistenti, vi ha costruito sopra e lo ha parzialmente integrato con edifici residenziali a due piani. Dalla metà degli anni '60 alla fine degli anni '70 furono costruiti vari garage, magazzini e officine. Qui era di stanza la 132a brigata dell'intelligence, che era direttamente subordinata all'alto comando di Wünsdorf.E' stata responsabile dell'operatività quotidiana dei messaggi  nella rete telefonica e telex, in  delle reti di notifica, avviso e allarme nonché della trasmissione dati. Oltre alle nostre linee di cavi, sono state utilizzate anche linee noleggiate da Deutsche Post.

Tra il 1976 e il 1978, la 57a brigata di costruzione militare di Forst Zinna costruì sul sito un bunker monolitico a un piano (dimensioni dell'edificio principale 17 x 32 metri). Il nome in codice era Gnesdo. In caso di emergenza, il bunker doveva fungere da centro di controllo del combattimento.Nel campo di battaglia, anche la brigata dell'intelligence disponeva di tecnologia mobile.Le esercitazioni dell'unità si sono svolte nel vicino Keilberg, ai margini dell'area di addestramento militare di Jüterbog. Si presumeva che la brigata fosse di grande importanza, perché questo oggetto fu uno degli ultimi ad essere ripulito durante il ritiro del GSSD nel 1994. Infine, il bunker delle notizie è stato aperto dall'alto per recuperare il generatore di emergenza per il trasporto.

Ai margini dell'area in direzione di Nieplitz, i soldati avevano allevato bestiame per arricchire il loro magro cibo. I maiali erano principalmente ingrassati. I rifiuti di cucina e il foraggio, che ricevevano in cambio dell'utilizzo del GPL, costituivano la base del foraggio. Continuò a funzionare un poligono di tiro, che fu utilizzato e ampliato dalla corporazione dei fucilieri Treuenbrietzen dopo che la guarnigione se ne fu andata. 

5. Nachrichten-Kaserne 1954 bis 1993

6.Lo sviluppo del parco solare dopo il 1994

Dopo il ritiro della brigata dell'intelligence sovietica nel 1994, l'area è rimasta inutilizzata fino al 2004. Nel marzo 2005 è avvenuta la vendita a un gestore di impianti solari con i siti contaminati, tra l'altro, di 22.400 metri quadrati di amianto e 4.000 metri quadrati di cartone catramato che dovevano essere smaltiti. È iniziata la demolizione degli 85 edifici e di un distributore di benzina. Il è stato creato sul sito Parco solare Selterhof. La messa in servizio è avvenuta il 6 ottobre 2008.

Oggi solo uno degli ex poligoni di tiro della fabbrica, che il GSSD ha continuato a utilizzare, è ancora occupato dal club di tiro Treuenbrietzen. C'è anche un impianto di depurazione chiuso, altrimenti nel sottobosco della foresta sono visibili solo pochi massi degli edifici della fabbrica fatti saltare in aria.

6. Solarpark nach 1994