top of page

Fabbriche tessili della Bassa Lusazia

Per più di 100 anni, l'estrazione della lignite e l'industria tessile della Bassa Lusazia sono state la spina dorsale dell'intera regione. In questo modo, la lignite della terra alimenta in anticipo il famelico fabbisogno energetico delle macchine tessili del paese. Il motore a vapore rende il carbone utilizzabile per l'industria e funge da indicatore di un panorama industriale impressionante. Ma sono anche le acque particolarmente dolci della Sprea e della Neisse, che favoriscono anche il finissaggio dei tessuti. Nel XIX secolo si sviluppò una roccaforte dell'industria tessile nella Bassa Lusazia con il grande triangolo industriale di Cottbus-Forst-Spremberg, dove l'industria tessile in particolare mise le sue radici. La produzione, la lavorazione e la raffinazione del filato è il sostentamento più importante per decine di migliaia di persone, insieme alla lignite.

La città di Forst, al confine odierno con la Polonia, si distingue in particolare da questa struttura regionale complessiva. Alla fine del XIX secolo, la città si sviluppò in una delle più grandi città produttrici di tessuti in Europa. Nel 1922, ogni giorno un incredibile quantitativo di 1.150 tonnellate di tessuto lasciava i confini della città di Forst.A quel tempo, quasi un cittadino su cinque del Reich tedesco indossava un tessuto per abiti della Neisse. Complessivamente ci sono quasi 455 aziende tessili nella sola città di Forst. Un valore superiore nell'industria tessile della Germania dell'Est. Di conseguenza, la città è soprannominata la "Manchester tedesca".

Il crollo dell'intera industria tessile dopo il 1990, non solo a Forst ma in tutta la Lusazia, è tanto più devastante. Quasi l'intera linea di vita tessile si interrompe e quindi i telai da Cottbus a Neugersdorf in Sassonia tacciono per sempre durante questo periodo.

Oggi, dopo più di 30 anni, alcuni edifici della fabbrica sono ancora lì, ma nella maggior parte dei casi sono inutilizzati e fatiscenti. Nei nostri tour attraverso la Lusazia abbiamo potuto documentare lo stato di molte fabbriche abbandonate:

Fonte del testo: Cultura industriale orientale

Fabbrica di tessuti Max Danneberger:

Tuchfabrik Max Danneberger

ILFerrovia urbana Forsterera una ferrovia a scartamento ridotto a scartamento metrico che fungeva da ferrovia di collegamento industriale per servire le numerose fabbriche di tessuti. Il motivo dell'installazione era che alla fine dell'Ottocento l'approvvigionamento delle fabbriche di materie prime, soprattutto carbone, diventava sempre più un problema. Il trasporto con cavalli e carretti era ingombrante e costoso. Dal 1890 ci sono piani per costruire un raccordo nel centro città. È stato in funzione dal 1893 al 1965. Era anche popolarmente conosciuto come il Black Jule. La stazione ferroviaria elencata è ancora conservata oggi.

Forster Stadteisenbahn

Fabbrica di tessuti C. Ungers:

Tuchfabrik C. Ungers

Fabbrica di tessuti F. Schmidt: