top of page
Infanterieschule (18).jpg

 Wünsdorf - La città proibita parte 1

2. Haus der Offiziere
1. Entwicklung

Wünsdorf si trova a circa 30 km a sud di Berlino. La storia del sito militare di Zossen-Wünsdorf inizia intorno al 1910 Vi furono costruite numerose caserme: nel 1912 l'ufficio telefonico e telegrafico e nel 1913 la scuola di fanteria. Costretto dalla Prima Guerra Mondiale - Wünsdorf era la sede della Reichswehr - nacque l'Istituto Imperiale di Ginnastica, che dal 1919 al 1943 fu trasformato in Scuola Sportiva dell'Esercito (detta "Casa degli Ufficiali"). Seguirono altre caserme, un ospedale militare e scuderie.

Dal 1933 Wünsdorf divenne un centro per lo sviluppo delle truppe veloci. La prima unità motorizzata della Reichswehr era già stata trasferita a Wünsdorf nel 1931, ma ora le installazioni militari iniziarono ad essere notevolmente ampliate. Nel 1933 fu allestita la prima unità corazzata della futura Wehrmacht tedesca nell'area di addestramento militare, nel 1935 fu ristabilita a Wünsdorf la 3ª Divisione corazzata e nel sito fu trasferita l'autoscuola dell'esercito. Nel marzo 1935, l'Alto Comando della Wehrmacht (OKW) si trasferì nel suo quartier generale. Gli impianti sportivi militari esistenti furono utilizzati nel 1936, in vista dei Giochi Olimpici, per gli allenamenti della squadra tedesca. Contemporaneamente furono costruiti i bagni militari. 

Alla fine degli anni '30 furono costruiti i bunker "Maybach I e II" e il centro di comunicazione ("Zeppelin") per l'Alto Comando dell'Esercito, che trasferì la sua sede a Zossen nell'agosto 1939. In questo periodo iniziò anche la costruzione di bunker fuori terra come misura di protezione aerea.
Dopo la vittoria sul nazionalsocialismo, le truppe sovietiche presero il controllo delle installazioni militari. Nel 1953 Wünsdorf divenne la sede dell'alto comando militare del "Gruppo delle forze sovietiche in Germania" (GSSD). Oltre ai circa 2.700 abitanti, nelle ore di punta vivevano da 50.000 a 75.000 uomini, donne e bambini sovietici. L'area era un'area riservata per i cittadini della RDT. Fino al 1994, all'interno dell'area recintata e murata si trovavano numerose strutture sovietiche come asili, scuole e negozi. Dopo il crollo della RDT e l'unificazione della Germania, l'Alto Comando di Wünsdorf organizzò il rimpatrio in Unione Sovietica di un totale di circa 380.000 soldati e 170.000 civili, oltre al loro materiale bellico.

La città dei libri e dei bunker di Wünsdorf si è sviluppata dalla città fantasma dalla fine degli anni '90. In diverse librerie antiquarie, i lettori possono scegliere tra centinaia di migliaia di libri. Le visite guidate spiegano agli interessati le funzioni dei sistemi bunker. Diverse mostre trattano la storia del sito militare, inclusa una sulla vita quotidiana dei soldati sovietici con reperti lasciati dalla guarnigione.

1. Sviluppo del sito di Wünsdorf

2. La Casa degli Ufficiali - La Scuola Sportiva dell'Esercito

L'imponente complesso edilizio "Casa degli Ufficiali" fu inaugurato nel 1914 come istituto di ginnastica imperiale. Dal 1° ottobre 1924 nel ginnasio si svolsero i primi corsi sportivi militari nell'ambito del neonato movimento sportivo popolare, che si svolsero in tutto il Reich fino al 1933. Dal 1934 fu nuovamente riconvertito nella Scuola sportiva dell'esercito di Wünsdorf, che diresse le fortune sportive dell'esercito in relazione agli sport agonistici. Nei quattro edifici appartenenti al comprensorio sono state realizzate diverse palestre e palestre, come una sala di scherma, una piscina coperta e un maneggio. Per le Olimpiadi del 1936 a Berlino, i concorrenti tedeschi furono preparati qui, mentre tutte le altre nazioni furono ospitate nel Villaggio Olimpico (Elstal). Seguirono altre caserme, un ospedale militare e scuderie. Quando era necessario sempre più spazio ospedaliero, la scuola sportiva fu utilizzata per curare i soldati feriti dal 1943.   Quando i sovietici vi si trasferirono, la scuola sportiva divenne il più importante centro culturale e di intrattenimento per le truppe sovietiche di stanza nella RDT. Le grandi palestre sono state trasformate in sale da concerto e cinematografiche, e l'ex mensa degli ufficiali e il casinò sono stati utilizzati dalle unità pioniere come proprio centro culturale con una sala da concerto. 

Gli edifici hanno un carattere simile a un castello e sono ancora relativamente ben conservati. Davanti all'edificio principale, il compagno Lenin guarda ancora la natura con una testa orgogliosa. È il più grande monumento di Lenin in Germania.  Dietro si trova il diorama elencato, purtroppo molto fatiscente, un edificio rotondo che è stato integrato nel complesso solo nel 1970. Qui i sovietici hanno presentato un dipinto intitolato "L'assalto dell'Armata Rossa al Reichstag". Ma l'hanno portato a casa con loro, quindi non c'è più niente da scoprire in questo edificio. Mi è piaciuta di più la piscina ben conservata. Non devi visitare il sito illegalmente. All'ingresso c'è un simpatico custode che ti farà entrare nei locali per 15 € e con una mappa (a partire da giugno 2020).

3. La scuola di tiro di fanteria Wünsdorf

3. ISchießschule

La scuola di tiro rappresentativa della fanteria entrò in servizio nel 1913. La scuola di tiro era composta, tra l'altro, da una stazione di guardia principale, un edificio per il personale, 2 edifici abitativi, una casa di esercitazione, un maneggio e scuderie, un ospedale militare e un casinò per sottufficiali. Ha interrotto l'addestramento quando è iniziata la guerra e ora prestava servizio con l'annesso ospedale della guarnigione come ospedale domestico e casa di convalescenza della Guardia Imperiale. Dopo la prima guerra mondiale, l'unico esercito a Wünsdorf era l'ex scuola di tiro di fanteria, dove dal 1921 al 1932 fu di stanza il battaglione di addestramento del 9 ° reggimento di fanteria di Potsdam. Gli altri complessi di caserme erano vuoti. Nel 1935 qui fu allestito il battaglione anticarro 39. Nell'agosto 1943 lo stazionamento delle forze corazzate a Wünsdorf terminò con il trasferimento a Bergen-Hohne. Le baracche erano necessarie per ospitare gli uffici della Wehrmacht che erano stati bombardati a Berlino. Al tempo dell'uso sovietico, il 43 ° reggimento di guardia e sicurezza era ospitato nell'ex scuola di tiro di fanteria. Ha assicurato le operazioni quotidiane dell'alto comando, dalla sorveglianza e fornitura di veicoli all'ufficio e ai servizi economici.

4.1. Maybach 1
4. Bunker

4. Bunker a Wünsdorf

4.1. maybach 1

Wünsdorf è stato il mio primo tour nel bunker nel 2004 e ha acceso la mia passione per l'esplorazione di luoghi abbandonati. Abbiamo scelto il tour di quattro ore. Il vantaggio era che potevamo vedere Maybach 1 e 2 così come Zeppelin in un solo tour. Alla fine del 2019 ero di nuovo ufficialmente nel bunker dello Zeppelin, che ora era accessibile su tutti i piani ed era in parte attrezzato con oggetti storici. Valeva davvero la pena vederlo.Quiè possibile prenotare in anticipo il tour desiderato a Wünsdorf.

La costruzione del bunker iniziò nel 1937 e l'ultimo edificio fu completato nel 1940. Maybach I era un complesso di bunker composto da 12 edifici residenziali con tetti, finestre e porte artificiali mimetizzati come un insediamento di case di campagna. I bunker erano collegati da un tunnel ad anello. Attraverso la cosiddetta galleria sud a nord della pianta c'era un collegamento con ilBunker delle telecomunicazioni Zeppelin.La struttura faceva parte del centro di comando di Zossen ed è stata utilizzata come quartier generale dalla maggior parte dell'Alto Comando dell'Esercito (OKH) durante la seconda guerra mondiale. Le formazioni di carri armati controllate da qui utilizzavano motori Maybach, da cui il nome. Dopo la guerra, l'Armata Rossa fece saltare in aria i bunker secondo gli accordi alleati. Ma il cemento armato tedesco è rimasto testardo. Alcuni dei bunker fuori terra si sono solo abbassati e non è stato possibile distruggerli completamente. Alla fine i russi si arresero. Per inciso, i bunker sono stati costruiti come fattorie per mimetizzarsi. Inoltre, le bombe dovrebbero rimbalzare sui tetti appuntiti e cadere.

4.2. Maybach 2

4.2. maybach 2

Nelle vicinanze di Maybach 1 si trovano anche i resti del complesso Maybach 2 ancora più gravemente danneggiato con un tempo 11 case. L'impianto fu completato nel 1940. La struttura fungeva da quartier generale dell'Alto Comando della Wehrmacht (OKW). Dopo le esplosioni dell'Armata Rossa, gran parte delle case colpite furono demolite all'inizio degli anni '50 per produrre acciaio. Solo 3 case, A17, A18 e A19, sono rimaste in rovina. Il tunnel ad anello è stato chiuso, è rimasto solo l'accesso a una sezione. La proprietà è stata utilizzata come area pratica e discarica fino alla partenza del GSSD. Oggi, i resti del complesso sono in gran parte inosservati.  L'accesso è stato abbastanza avventuroso.  Non è più previsto un uso museale di quest'area. A proposito, le immagini non sono storte, ma i bunker esplosi sono in parte spostati considerevolmente: